Apple ha acquisito una startup specializzata in visori a realtà aumentata

Secondo le recenti dichiarazioni di Reuters di questa notte, Apple avrebbe concluso l'acquisizione di una startup specializzata nella creazione di lenti per visori a realtà aumentata.

311
0

Secondo le recenti dichiarazioni di Reuters di questa notte, Apple avrebbe concluso l’acquisizione di una startup specializzata nella creazione di lenti per visori a realtà aumentata. I dettagli sull’affare, come il prezzo, non sarebbero ancora stati rivelati, ma la stessa compagnia di Cupertino avrebbe confermato il termine positivo delle trattative.

La società in questione è Akonia Holographics, un’azienda con sede nel Colorado fondata nel 2012. Dopo un periodi iniziale di lavoro su sistemi di memorizzazione di dati oleografici, Akonia si è specializzata sulla creazione di display per visori a realtà aumentata. Ad oggi, la startup possiede oltre 200 brevetti relativi questo tipo di tecnologia e ha raccolto 11.6 milioni di finanziamenti solo nell’anno della sua fondazione.

Apple potrebbe rilasciare un visore AR tra il 2019 e il 2020

Akonia ha afferma che la sua tecnologia consente di realizzare lenti in vetro intelligenti sottili e trasparenti capaci di visualizzare immagini tridimensionali, a colori e con un ampio campo visivo. Non è ancora chiaro come Apple deciderà di applicare gli strumenti offerti dalla startup americana ad un prodotto di consumo, in quanto, come riporta la stessa azienda, è ormai normale amministrazione non rivelare gli scopi o i progetti futuri alla stampa.

Rimane ancora in dubbio quanto Apple abbia pagato per Akonia, o quando esattamente si sia svolta l’acquisizione. Tuttavia, secondo le testimonianze di Reuters e di una fonte vicina all’azienda, la startup avrebbe rallentato il proprio operato negli ultimi sei mesi. Ciò significa che l’accordo potrebbe essere avvenuto proprio in questo lasso di tempo.

I rapporti hanno anche suggerito come la compagnia di Cupertino stia lavorando molto sulla propria versione di visori a realtà aumentata, che potrebbero vedere la luce del sole tra il 2019 e il 2020. Di sicuro, l’acquisizione di Akonia è perfettamente in linea con questi rapporti.