iPad Pro 2018: tutti gli accessori compatibili con la porta USB-C

La nuova porta USB-C di iPad Pro apre le porte ad un gran numero di nuove funzionalità, ma con alcune limitazioni. Scopriamo insieme quali accessori sono compatibili e quali non possono invece essere utilizzati.

734
0
ipad pro usb-c

Rispetto alla precedente generazione, i nuovi iPad Pro da 11 e 12.9 pollici presentano una porta USB-C anziché il noto ingresso Lightning. Tuttavia, questo non significa che ora il dispositivo di Apple può essere utilizzato per eseguire le stesse operazioni che si fanno con un normale computer. Sebbene l’USB-C renda ancora più facile la connessione a display, fotocamere e altri accessori esterni, esistono delle limitazioni. Vediamo insieme quali.

Ecco quindi cosa è possibile fare con il nuovo iPad Pro con ingresso USB-C

Premettiamo che normalmente il connettore USB-C presenta numerose funzionalità. Sui MacBook di Apple, tutte le porte USB-C sono ingressi Thunderbolt 3 (tranne su MacBook da 12 pollici), il che consente larghezza di banda e connessioni incredibilmente veloci, con la possibilità di utilizzare display multipli e un’intero hub di connettività con un’unica porta.

L’iPad Pro 2018 non presenta la tecnologia Thunderbolt. A differenza, esso possiede una porta USB-C 3.1 di seconda generazione. Questo significa che può garantire velocità di  trasferimento fino a 10 gigabit al secondo, che si traduce nella possibilità di collegare un monitor 5K a 60 fps.

Tuttavia, ci sono alcuni asterischi e trucchi da tenere in considerazione per comprendere tutto ciò che riguarda la porta USB-C dei nuovi iPad Pro. Ecco quali.

Display esterni

Come già detto, il nuovo iPad Pro può essere connesso direttamente a display USB-C, che comunicano tramite lo standard DisplayPort. È infatti possibile collegare un cavo USB-C all’iPad da un’estremità e il monitor esterno dall’altra, come ad esempio l’LG UltraFine 4K. I nuovi iPad Pro supportano infatti uscita HDR10, quindi possono sfruttare appieno i display ad alta gamma dinamica, ove disponibili.

Ad esempio, è possibile utilizzare il monitor esterno per mostrare una presentazione di KeyNote, conservando le note sull’iPad. Oppure proiettare un film di Netflix direttamente su grande schermo. Il tutto con le ovvie limitazioni rispetto a Mac.

ipad pro usb-c

L’aspetto un pò tedioso è l’impossibilità di utilizzare il cavo USB-C in dotazione con iPad. Infatti, è necessario un cavo USB che supporti connessioni a larghezza di banda elevata. È possibile acquistarne alcuni con Thunderbolt 3 a poche decine di euro. Anche se l’iPad non supporta Thunderbolt, i cavi sono retrocompatibili.

Abbiamo detto che l’iPad può collegarsi ad un display da 5K. Tuttavia, il monitor di LG UltraFine 5K non sarebbe compatibile. Il motivo è che è un display Thunderbolt 3, non supportato da iPad Pro.

Se in alternativa non si vuole investire nell’acquisto di un display con USB-C, si ha la possibilità di connettersi anche ad un display con cavo HDMI, anche se è necessario acquistare un adattatore. L’iPad Pro può utilizzare un adattatore per l’uscita video HDMI 2.0, che supporta risoluzione massima di 4K a 60 Hz, e può in teoria trasmettere HDR10 e Dolby Vision con adattatori compatibili.

L’adattatore offerto da Apple si collega alla porta USB-C di iPad Pro e aggiunge un ingresso HDMI, una porta USB-C per l’alimentazione e una porta USB-A standard. L’adattatore trasmette risoluzione 4K a 30Hz. È anche possibile ottenere adattatori da USB-C a VGA in caso di necessità.

Ricaricare altri dispositivi

Come dimostrato in occasione della sua presentazione, la porta USB-C di iPad Pro può alimentare dispositivi collegati con una velocità di carica fino a 7.5 W di potenza. Se si dispone di un cavo da USB-C a Lightning, è possibile collegare iPhone per caricarlo con iPad. È anche possibile collegare due iPad Pro tra di loro.

Gli accessori USB di terze parti possono anche ricevere fino a 7.5 W di potenza, quindi, questo si traduce nella possibilità di collegare qualsiasi dispositivo tramite un adattatore. iPad Pro può ricaricare anche smartphone Android che hanno porta USB-C, utilizzando lo stesso cavo.

ipad pro usb-c

Apple ha recentemente rilasciato anche un nuovo cavo USB-C per Apple Watch, il che consente di ricarica lo smartwatch in movimento. Tutto questo si traduce nella possibilità di dimenticare a casa i caricatori di Apple Watch e iPhone e utilizzare iPad Pro come sistema di alimentazione.

Importare foto e video da periferiche esterne

Il nuovo iPad Pro non supporta l’archiviazione esterna generica. Non è quindi possibile collegare un’unità flash USB-C e vedere i file nell’applicazione File. Questa è una limitazione del sistema operativo che molti si aspettano possa essere risolto con un semplice aggiornamento software.

Tuttavia, è possibile utilizzare l’applicazione Foto per importare foto e video dall’archivio USB. Questo può risultare particolarmente utile se si hanno molte foto a disposizione su un disco rigido esterno, che può essere collegato e utilizzare la scheda Importa nell’app Foto come già possibile su Mac.

ipad pro usb-c

Questa funzione è disponibile anche con le fotocamere. Molte fotocamere, infatti, sono dotate di porte USB-C o mini-USB. Utilizzando un adattatore o un cavo ad hoc, è possibile scattare fotografie e trasferirle direttamente dalla fotocamera per poter vedere le immagini su grande schermo.

Discorso analogo per l’importazione dalla scheda SD. Apple offre anche il proprio lettore da USB-C a scheda SD. È sufficiente collegarlo ad iPad Pro e inserire la propria scheda SD per abilitare l’importazione di foto e video. Supporta anche trasferimenti ad alta velocità con schede UHS-II. Poiché l’USB è uno standard comune, è possibile trovare adattatori a USB-C molto economici.

Collegare tastiere e cavi Internet

Sebbene iOS non consenta di installare driver aggiuntivi, il nuovo iPad Pro possiede di default la possibilità di collegare un numero sorprendente di dispositivi esterni.

Ad esempio, le tastiere con uscita USB-A possono essere collegate sfruttando un adattatore USB-C. Un’altra tecnologia supportata da iPad Pro è la porta Ethernet, utilizzando ovviamente un adattatore e un cavo abbinato. La schermata delle impostazioni di iOS, infatti, riceve una nuova sezione dedicata alla connessione cablata, ovviamente solo quando questa viene rilevata.

ipad pro usb-c

Come ampiamente notato, iPad Pro non ha più jack audio per le cuffie e mentre per la maggior parte degli utenti questo non è sicuramente un problema, i tradizionalisti hanno storto il naso alla notizia. Per questa categoria di persone, Apple ha introdotto l’adattatore USB-C per le cuffie.

È anche possibile collegare dispositivi audio come tastiere MIDI o microfoni. In alcuni casi, i 7.5 W di potenza è in grado di alimentare gli accessori più piccoli, mentre dispositivi più potenti richiedono un alimentazione esterna.

Collegare hub multi-porta

Per finire la nostra lista di accessori compatibili con l’USB-C di iPad Pro, ultima ma non in ordine di importanza è la possibilità di collegare un hub multi-porta. È possibile, utilizzare gli stessi hub disponibili in commercio per i nuovi MacBook, e utilizzarli per aggiungere un sacco di nuove porte al vostro iPad.

ipad pro usb-c

Per concludere, il numero di accessori che possono essere collegati con l’USB-C sono numerosi, l’unico ostacolo al loro completo funzionamento ora è iOS, un sistema operativo che deve ancora ricevere diversi aggiornamenti per rendere iPad Pro un valido sostituito dei computer.