Microsoft annuncia Project xCloud, il primo servizio di giochi streaming dell’azienda

Microsoft ha annunciato Project xCloud, il primo servizio di giochi streaming dell'azienda, per importare i propri titoli sullo schermo di qualsiasi dispositivo.

453
0
Project xCloud

Microsoft ha annunciato Project xCloud, il primo servizio di giochi streaming dell’azienda, per importare i propri titoli sullo schermo di qualsiasi dispositivo. Svelato sul blog ufficiale dell’azienda, il nuovo progetto del colosso di Redmond consentirà agli sviluppatori di implementare e consentire l’accesso ai propri giochi su tutti i dispositivi di terze parti, senza alcun tipo di lavoro aggiuntivo.

Il piano di Microsoft sarebbe quello di avviare le fasi di beta test pubbliche a partire dai primi mesi del 2019. Il team di Project xCloud ha progettato un nuovo sistema personalizzabile in grado di ospitare le parti di più console Xbox One, nonché l’infrastruttura associata. Questi sistemi saranno posizionati in diversi luoghi del mondo per usufruire dei servizi Azure di Microsoft già supportati in 140 paesi, allo scopo di garantire ai giocatori un’esperienza di gioco on demand ottimale, indipendente dalla loro posizione.

Project xCloud: disponibile a partire dal 2019

Attualmente Project xCloud è in fase di test su smartphone e tablet e consente di connettersi con un controller wireless Xbox tramite Bluetooth per ricreare la medesima esperienza utente della console di Microsoft, con la possibilità di accedere a controlli aggiuntivi tramite touch. L’azienda sta anche pianificando di sviluppare un sistema di input che consenta agli utenti di utilizzare solo i comandi touch nel caso si scelga di giocare senza controller.

Come un qualsiasi altro servizio di streaming, la latenza è sempre una grande preoccupazione in quanto l’infrastruttura internet è ad oggi ancora troppo instabile nelle varie parti del mondo. Tuttavia, il team di Microsoft Research sta lavorando per risolvere questi problemi. Project xCloud utilizzerà reti 4G e supporterà le nuove reti 5G in base alla disponibilità della rete più recente a livello globale. Allo stato di test attuale, è richiesta una velocità minima di 10 mbps, inferiori ai 25 mbps richiesti da altri programmi come OneCast o NVDIA GeForce NOW.

Microsoft non è di certo la prima azienda a spingere sullo streaming di videogiochi, come ha recentemente rivelato Project Stream che consente ai giocatori di riprodurre Assassin’s Creed Odyssey nel browser Google Chrome o PlayStation Now di Sony che ha aggiunto la possibilità di scaricare giochi PS4 e PS2 da giocare offline.

La stessa Nintendo sta lavorando alla propria versione di servizi streaming in Giappone e tra questi ancora una volta troviamo Assassin’s Creed Odyssey, disponibile tramite una versione cloud su Nintendo Switch.