NVIDIA svela le nuove schede grafiche GeForce RTX 20

Come previsto, durante l'evento stampa dedicato alla Gamescom, NVIDIA ha presentato le nuove schede grafiche GeForce RTX 20 per gaming, con una potenza circa 6 volte maggiore rispetto le precedenti.

250
0

Come previsto, durante l’evento stampa dedicato alla Gamescom, NVIDIA ha presentato le nuove schede grafiche GeForce RTX 20 per gaming, con una potenza circa 6 volte maggiore rispetto le precedenti.

La nuova famiglia di schede grafiche GeForce RTX 20 si basa sulla nuova architettura di Turing di NVIDIA, che si concentra sul Ray-tracing in tempo reale, capace di riprodurre videogiochi  altamente simili alla realtà. Disponibili al pre-ordine già a partire da oggi, le nuove schede grafiche saranno ufficialmente sul mercato con prezzi a partire da 500 dollari per la RTX 2070 fino a 1000 dollari per la RTX 2080 Ti.

I prezzi di NVIDIA per i suoi modelli Founders Edition sono leggermente più alti. È infatti possibile preordinare il modello 2080 Ti per 1200 dollari, mentre l’RTX 2080 costa 800 dollari e la versione RTX 2070 costa 600 dollari. Finora, tuttavia, non sono stati svelati alcun tipo di dettagli sulla RTX 2060, prevista al debutto entro la fine dell’anno.  Da notare anche come la RTX 2070 non ha ancora una data certa di spedizione, al contrario degli altri due modelli, in arrivo il 20 settembre.

NVIDIA GeForce RTX 20: come cambierà il futuro dei videogiochi

Secondo quanto affermato da NVIDIA, l’architettura di base Turing è il più grande salto in avanti per quanto riguarda le schede grafiche, da quando la società ha introdotto CUDA. La grande spinta con questo design sta accelerando il Ray-tracing, una tecnica utilizzata per rendere realistica l’illuminazione dell’area, le ombre e i riflessi in tempo reale.

Il CEO dell’azienda, Jensen Huang, ha dichiarato durante la conferenza stampa che l’impegno richiesto per lo sviluppo delle Geforce RTX 20 è stato di circa 10 anni. Il processore risultanti è il secondo più grande mai realizzato, con i suoi 18.9 trilioni di transistor. Il chip incluse tre componenti chiave: i core RT dedicati al Ray-tracing in tempo reale, i core tensoriali per accelerare l’intelligenza artificiale e i core del processore di Turing SM.

Al momento della presentazione, l’hardware non si trova ancora ad un livello in cui una singola scheda grafica può riprodurre immagini fotorealistiche con una frequenza e una risoluzione dei fotogrammi estremamente elevate. Questo richiede ancora un server multi-GPU. Tuttavia, parte della presentazione è stata incentrata su come le reti neurali pre-genereranno la possibilità di effettuare questi calcoli in un futuro prossimo.

É stato anche interessante osservare l’applicazione delle nuove schede grafiche GeForce RTX 20 in alcune demo tra cui Shadow of the Tomb Raider, Battlefield 5 e Metro Exodus, di cui vi lasciamo alcune immagini qui sopra.